Sono moltissimi i produttori di smartphone che nell’ultimo periodo utilizzano la scelta di inserire all’interno dei propri telefoni uno slot per la nanosim ed un altro slot che può essere utilizzato , a scelta , per una micro sd oppure un’altra nanosim , rendendolo di fatto un telefono dual sim con memoria espandibile.

E’ il caso questo del nuovo Honor 8, record di incassi, il quale ha venduto in circa due mesi oltre 1.5 milioni di dispositivi ed è venduto al prezzo di 399 € su Amazon ed in alcuni negozi fisici come Unieuro.

I produttori hanno scelto questa strada per questioni di costi , ma soprattutto per un risparmio di spazio.

È in dubbio infatti risparmio in termini di qualche millimetro cubo sul telefono , considerando anche che chi utilizza un telefono due sim e ti utilizza un telefono con la micro sd sono comunque una minoranza di quelli che chi ha questione device.

Ci sono però molti utenti che hanno la necessità di utilizzare sia un dual sim che la micro sim , contemporaneamente.

Come risolvere questo problema?

Un ragazzo cinese ha trovato una soluzione a questo problema , si tratta infatti di una procedura molto delicata, che richiede una certa manualità. Cercando su internet ho trovato diverse guide al riguardo, per lo più poco dettagliate o con poche fotografie solamente dei passi principali.

Ma per chi volesse provare a cimentarsi con questa procedura, ecco un video russo realizzato in buona qualità, dove viene ripresa tutta la procedura.

In estrema sintesi, si tratta di ‘scollare’ il chip dalla nano sim ed incollarlo sulla microsd, ma dal video si vede ogni singola fase con estrema precisione.

Se riuscirete nel vostro scopo, non dimenticate di postare una fotografia del risultato nei commenti.